Archivi tag: Malta

MALTA E L’IRREDENTISMO (PARTE I): IL PN E L’IRREDENTISMO “SPIRITUALE” (1883-1905)

Una singolare espressione dell’irredentismo italiano, senza dubbio l’unica con i tratti qui delineati, si riscontra nell’esperienza e nell’operato del Partit Nazzjonalista (Partito Nazionalista maltese, di seguito PN) negli anni che dalla sua fondazione, come “Partito Anti-Riformista” (di seguito PAR) nel 1883 ad opera di Fortunato Mizzi (La Valletta, 1844 – La Valletta, 1905), attraversano, fino al 1945,  data spartiacque del “secolo breve”, quel concentrato di eventi e di esperienze che fu la prima metà del ‘900.

Per parlare della genesi e dello sviluppo del Partito, è fondamentale un breve tratteggio del retroterra che caratterizzò lo sviluppo di una piena coscienza ideologica e sentimentale, in quanto Nazione, nell’Arcipelago Maltese.

15326388_1139214119448709_2350617104723406146_nIl legame tra l’Arcipelago e l’Italia, continentale e insulare –  mi riferisco alla Sicilia –  è databile, esaminando la comune genetica delle popolazioni di queste terre, almeno al 1091, data che segna l’inizio della dominazione sull’isola da parte dei Normanni che controllavano il Sud Italia, passati i più di due secoli di dominio arabo. È infatti appurato che Continua a leggere

“Ritorno in Istria” (3° Edizione)

IMG-20150502-WA0013Si è svolta ieri, 2 maggio 2015, la 3° edizione di “Ritorno in Istria”, evento culturale organizzato per il secondo anno consecutivo a Sant’Ambrogio sul Garigliano (FR), al fine di tornare con il pensiero, tramite parole e poesie, nella nostra Istria. Un ringraziamento particolare ad Antonio Valerio Fontana, organizzatore dell’evento, che anche quest’anno ci ha voluti presenti. Questa edizione si è aperta con la deposizione di un omaggio floreale al Monumento dedicato ai Martiri delle foibe e ai finanzieri infoibati, per poi proseguire nella biblioteca comunale.

Dopo i saluti dell’Amministrazione locale siIMG-20150502-WA0015 sono susseguiti i primi interventi, la lettura di poesie di Antonio Valerio Fontana (referente per la provincia di Frosinone dell’ANVGD nonché scrittore) e la disamina storica degli eventi di cui fu teatro il confine orientale da parte del Presidente Nazionale dell’ANVGD Ballarin. A seguire l’intervento del dott.Emanuele Piloni che ha illustrato la storia dell’irredentismo italiano, la sua centralità nel processo unitario nazionale, le vittorie conseguite e la sua attualità. In chiusura, l’interessante intervento di Fernando Riccardi (scrittore e giornalista) che ha calzato sul concetto del Ricordo delle Foibe e sulla fragilità della legge omonima, incapace, a 10 anni di distanza, di colmare un vuoto consistente e messa ancora più in crisi dalle recenti richieste di cancellazione da parte di anpi e soci. Anche questa 3° edizione dell’evento si è chiusa con successo, risultando partecipata e seguita, tanto nella commemorazione quanto nell’approfondimento storico-culturale.

Il Consiglio Direttivo del Movimento Irredentista Italiano

La Voce Irredentista n.27

Clicca qui sotto per leggere La Voce.

La Voce Irredentista n. 27

Consigli per una visualizzazione ottimale: dopo aver cliccato sul link riportato qui sopra, aprire il menu “Finestra”, poi scegliere “Modalità a schermo intero”.

Buona lettura.

La Voce Irredentista n. 23

Clicca qui sotto per leggere La Voce.

La Voce Irredentista n. 23

Consigli per una visualizzazione ottimale: dopo aver cliccato sul link riportato qui sopra, aprire il menu “Finestra”, poi scegliere “Modalità a schermo intero”.

Buona lettura.

INTERVISTA AL CAPITANO GULMINELLI: CARMELO BORG PISANI, UN EROE DA ONORARE.

copertina libroAbbiamo avuto il piacere di intervistare Paolo Gulminelli, Capitano della Marina Militare ed autore, insieme ad Henry Frendo – Professore di storia moderna all’Università di Malta fino al 1992, e di Storia moderna e relazioni internazionali presso l’Università di Urbino – del libro intitolato “Carmelo Borg Pisani: Patriota italiano e maltese. Nuovi documenti e supposizioni”, edito dall’Associazione Culturale Sarasota. Il capitano Gulminelli si prodiga da anni con scritti, lettere ed articoli per cercare di fare conoscere la triste storia del patriota maltese (cliccare qui per leggerla), sia per tensione morale alla giustizia terrena, sia per un sentimento di dovere nel tentare di compensare il fatto che una figura di una tale caratura fosse finita nel dimenticatoio, quasi denigrata dai diversi concittadini maltesi che ancora adesso ne misconoscono la storia.

 

Gentile Capitano Gulminelli, anzitutto un saluto ed un grande ringraziamento per la sua disponibilità da parte di tutti noi del Movimento Irredentista Italiano. Potrebbe esporci brevemente la storia del suo personale avvicinamento alla storia e alla figura di Carmelo Borg Pisani?
Mi sono interessato a Carmelo Borg Pisani molti anni fa, di istinto, non appena lessi la motivazione della Medaglia d’Oro al Valore Militare alla Memoria, concessagli nel 1943. Più precisamente mi colpì la sua vicenda, triste per il tragico epilogo, che presenta numerosi punti focali: • Non si procedette all’attacco e all’occupazione di Malta, cosa alla quale Borg Pisani anelava e per la quale si sacrificò; • Lo si è lasciato indietro, e nessun nostro soldato deve essere lasciato indietro (la vicenda dei marò è una vergogna soprattutto per questo aspetto), tanto più in quanto si aveva la piena consapevolezza che Carmelo avrebbe rischiato la vita; • Era un artista, pittore e scultore, aveva un forte grado di miopia, non era certamente uno nelle migliori condizioni fisiche per ricoprire il difficile ruolo assegnatogli, ma aveva un grande coraggio, che dimostrò sempre, fino agli ultimi istanti di vita, di fronte al patibolo; • Sul muro della sua cella venne trovata una frase, scritta da Carmelo con il carboncino, che recitava : “I servi ed i vili non sono graditi al Signore”. Una frase che, dopo averla conosciuta, ho posto a base della mia vita. La considero una delle massime più grandi, coraggiose ed ispiratrici per la vita di ogni essere umano.

Il libro da voi pubblicato è basato sul saggio del prof. Frendo, ed il sottotitolo, “Nuovi documenti e supposizioni”, lascia intuire l’introduzione di nuovi elementi nella vicenda storica del patriota maltese, sulla quale ancora oggi ci si divide tra le teorie del “traditore” e dell’”Eroe”. Potrebbe raccontarci la genesi di questo progetto editoriale?
Effettivamente il libro consiste nel saggio del Prof. Henry Frendo, ordinario di storia contemporanea presso l’Università di Malta e di storia moderna e relazioni internazionali presso l’Università di Urbino, che uscì per la verità già nel 2006, in lingua inglese, a Malta. Si trattava di colmare un “vuoto” che era sfuggito anche al Prof. Stefano Fabei, nel suo tuttavia ottimo libro intitolato “Carmelo Borg Pisani: Eroe o traditore?”. Il saggio del prof. Frendo, infatti, ha una notevole importanza in quanto contempla l’intera analisi della Storia di Carmelo Borg Pisani, affrontata con dovizia di informazioni ed obiettività di fondo, ma soprattutto perché realizzata proprio da un Maltese, scevro da ogni sentimentalismo e revanscismo. Il professore aveva oltretutto manifestato, nell’inverno del 2008, l’idea di potere tradurre e stampare in Italia il suo saggio. Dopo più di quattro anni passati a cercare aiuti nella traduzione, e financo nella pubblicazione, riuscimmo subito dopo l’elezione di Papa Francesco, nel marzo 2013, a far uscire il libro.

Negli ultimi tempi i tentativi di divulgare la storia di Carmelo Borg Pisani sono stati diversi, uno su tutti quello da lei già citato, del prof. Stefano Fabei, che nel proprio libro “Carmelo Borg Pisani: eroe o traditore?”, non ha mancato di ringraziarla per il prezioso aiuto da lei fornito. Da cosa nasce il bisogno di questo nuovo libro? Cosa aggiunge alla storia dell’eroe maltese?
Oltre al saggio del Prof. Henry Frendo, che attingendo dagli Archivi maltesi ed inglesi ha sicuramente fornito nuovi elementi e spunti di ulteriori approfondimenti, devo necessariamente sottolineare che il libro presenta l’antologia di tutti quegli scritti ed articoli usciti sui siti, sulle piccole riviste, sui quotidiani, realizzati da noti, e meno noti, scrittori ed autori italiani. Questo rappresenta sicuramente un variegato insieme che, oltre a fornire un’approfondita panoramica sulla storia di Carmelo Borg Pisani, rende onore a quei vari autori che, senza il libro, sarebbero rimasti ingiustamente nel dimenticatoio.

Sappiamo che lei fa parte della “Compagine italo-maltese degli amici di Carmelo Borg Pisani”. Potrebbe raccontarci come nasce e come opera? Quali sono i suoi obiettivi e le attività?
La compagine italo-maltese degli Amici di Carmelo Borg Pisani è nata quest’anno, poco dopo l’uscita del libro, ed in concomitanza con la nascita del sito “www.borgpisani.it”. Rappresenta l’élite di coloro che, nel tempo, si sono impegnati per la causa di Borg Pisani, e che guidano anche il gruppo Facebook “Carmelo Borg Pisani: un Martire dimenticato“. Il leader italiano è Pierfrancesco Nicoletti, Jo Meli quello maltese. Gli obiettivi sono quelli di mantenere alto e vivo il ricordo dell’Eroe, allo scopo di concedergli finalmente una cristiana sepoltura a Malta o, se non fosse possibile realizzare un cenotafio sul luogo, in Italia, presso il Sacrario Militare d’Oltremare di Bari.

Un rapido excursus enogastronomico irredentista: il vino commemorativo dedicato a Carmelo Borg Pisani, prodotto ed imbottigliato dall’Azienda Agricola Biologica Pisani di Viggiano. E’ un prodotto che ha sempre suscitato la nostra curiosità ed approvazione, sia per il carattere commemorativo che per la capacità di diffusione della storia dell’Eroe maltese.
Il vino commemorativo è nato da uno splendido rapporto di amicizia tra me ed i fratelli Pisani, della omonim2013-11-27 23.11.09a Casa Vinicola sita in Valle d’Agri, visionabile in rete all’indirizzo http://www.vinibiopisani.it. Come potrete notare dalla foto relativa all’azienda agricola inserita nel libro (da noi qui riportata, al centro il produttore vinicolo Francesco Pisani, a destra il Capitano Paolo Gulminelli – ndr), in questa vicenda potremmo dire che ci sia la presenza del caso, delle coincidenze, insomma dell’Altissimo. Mi riferisco alla straordinaria somiglianza che c’è tra il proprietario dell’azienda Francesco Pisani ed il nostro Carmelo Borg Pisani. Per quanto riguarda le caratteristiche del vino Borg Pisani, c’è da dire che segue il disciplinare della D.O.C. “Vini dell’Alta Val d’Agri”, ed è un mix di Merlot (70%) e Cabernet Sauvignon (30%). Da notare la bella etichetta, con la foto più famosa di Carmelo su uno sfondo tricolore sul fronte (con il verde un po’ in disparte per dare maggiore risalto al bianco e rosso, colori della bandiera maltese), e sul retro la già citata Massima dell’Eroe: “I vili ed i servi non sono graditi al Signore”.

Tornando al libro, pensa che questo studio possa chiudere definitivamente la diatriba sulla figura di Carmelo Borg Pisani o, in futuro, potrebbero esserci ulteriori spazi per analizzare ancora più a fondo la questione?
Credo di poter dire, senza peccare di immodestia, che questo libro, insieme a quello del Prof. Stefano Fabei e ai due libri ( Per il sogno della sua Vita ed il “Caso” Borg Pisani) scritti in precedenza da Laurence Mizzi (il più noto biografo di Carmelo Borg Pisani), dia una visione complessiva esaustiva, per poter capire il personaggio e conoscere la sua storia. Se alla scadenza degli anni di segretazione dei documenti, qualcuno riporterà ulteriori prove e/o atti, la cosa potrebbe essere sicuramente molto utile, anche perché si potrebbero svelare degli inconfessabili retroscena, tra i quali: 1) il perché della pena capitale (oltre al già noto vulnus sulla cittadinanza di Carmelo Borg Pisani, che lo avrebbe condannato in qualità di traditore, una chiave di lettura potrebbe risalire al modus operandi dell’imperialismo inglese, fautore del classico detto “colpirne uno per educarne cento”, visti i numerosi maltesi arruolatosi con l’Italia, filoitaliani e/o già deportati dagli stessi inglesi nei campi di concentramento in Uganda); 2) il perché ci fu un ostracismo immotivato da parte del fratello prete (chi voleva coprire Don Paolo Borg Pisani? Forse, come sostengono in molti a Malta, il Monsignor Gonzi – Vescovo di Malta nel 1942 ed eletto Arcivescovo nel 1944 – che fu favorevole alla pena capitale per ingraziarsi gli inglesi?).

Come Movimento Irredentista Italiano abbiamo sempre sostenuto che Malta, indipendente dal 1964, debba prendere una posizione definitiva sulla figura di Borg Pisani. Alla stessa maniera, abbiamo sempre “sognato” un’Italia più attenta ed orgogliosa dei propri Eroi, un’Italia che renda il dovuto onore ad uno dei suoi tanti figli sfortunati e dimenticati. Quali sono secondo lei i prossimi passi sulla via della riscoperta nazionale e popolare della storia dell’eroe maltese e dell’irredentismo italiano a Malta, di cui Borg Pisani fu non di certo l’unico, ma uno dei tanti esponenti?
Concordo con le vostre considerazioni circa i presupposti che dobbiamo necessariamente porci per il prossimo futuro: il popolo italiano è strano, oggi sembra avulso dalla realtà, ma un domani, come un vulcano dato in maniera sbrigativa ed approssimativa per spento, potrebbe riaccendersi improvvisamente. L’importante, in questo preciso momento storico, è che si mantenga sempre viva la memoria dei nostri Eroi, unitamente alla fiamma dei loro ideali di onore, fedeltà, senso del dovere ed amor di Patria per i quali non esitarono ad immolarsi. Un popolo che non ha conoscenza piena e vera del proprio passato, non può avere futuro.

Per concludere, un’ultima domanda su un argomento da lei già brevemente citato poco fa: secondo lei sarà davvero possibile, in futuro, recuperare i resti mortali di Carmelo Borg Pisani per seppellirli in un luogo degno della sua statura ideale e morale, on un monumento, o almeno una lapide, che ne ricordi la bontà, il coraggio, la purezza?
Sono un capricorno, sono romagnolo e sono militare. Pertanto sono tenace, testardo e seguo sempre in ogni mia azione la massima di Guglielmo Il Taciturno: “Non occorre sperare per intraprendere, né riuscire per perseverare”. Con il vostro aiuto, e con quello di coloro che si aggiungeranno alla “masnada”, sono certo che riusciremo a dare a Carmelo il rispetto e gli onori che merita, anche se saranno sempre “poco” rispetto al “tanto” che lui ha coraggiosamente messo in gioco per la nostra Patria. Sono certo che arriveremo laddove Dio volle il tricolore. Vi ringrazio e vi saluto caramente. Viva l’Italia e tutti gli Eroi caduti per la Patria.

Grazie a lei Capitano, con la speranza di riuscire, un giorno, a realizzare il nostro sogno di dare una degna sepoltura a Carmelo Borg Pisani, e di far sì che venga onorato come merita.

Emanuele Piloni

 

vino Borg PisaniChi fosse interessato ad acquistare il libro scritto dal professor Henry Frendo e Paolo Gulminelli, “Carmelo Borg Pisani: Patriota italiano e maltese. Nuovi documenti e supposizioni”, può ordinarlo al seguente indirizzo internet http://www.borgpisani.it/

Per acquistare il vino commemorativo dedicato a Carmelo Borg Pisani, ci si può rivolgere direttamente all’azienda vinicola Pisani tramite il sito internet http://www.vinibiopisani.it