Archivi categoria: Comunicati

50° ANNIVERSARIO DELLA STRAGE DI CIMA VALLONA


Il 25 Giugno 2017 ricorre il cinquantesimo anniversario della strage di Cima Vallona (1967), nella quale persero la vita quattro militari italiani, uccisi da mine antiuomo piazzate da terroristi separatisti pantirolesi.

Il primo a cadere fu l’Alpino Armando Piva, ventiduenne di Valdobbiadene, ucciso nella notte, tra il 24 e il 25 Giugno 1967, mentre assieme ad altri suoi commilitoni, componenti una pattuglia formata da 13 finanzieri e 6 Alpini, stava perlustrando la zona attorno ad un traliccio fatto saltare dai terroristi qualche ora prima come esca per attirare i militari. Infatti, i dinamitardi avevano disseminato il terreno di trappole esplosive, una delle quali, calpestata da Piva, esplose dilaniandolo (morirà alcune ore dopo in ospedale in conseguenza delle mutilazioni riportate).

Gli altri a cadere furono il Capitano dei Carabinieri Francesco Gentile, comandante del Reparto speciale di rinforzo per l’Alto Adige (istituito il 15 Ottobre 1966 dallo Stato Maggiore dell’Esercito nell’ambito del 7° Battaglione Carabinieri di Laives – per osteggiare l’azione dei terroristi pantirolesi – e composto di elementi dell’allora Compagnia Carabinieri Paracadutisti Tuscania, da incursori del 9° Battaglione d’Assalto Paracadutisti “Col Moschin”, da Guardie di Finanza e da Alpini), il Sottotenente Paracadutista  Mario Di Lecce ed il Sergente Olivo Dordi, giunti sul posto assieme al Sergente Marcello Fagnani (rimasto gravemente ferito) con il compito di bonificare la zona.

I quattro, dopo aver compiuto la loro missione ed aver scoperto e disinnescato altre quattro mine antiuomo, si incamminarono lungo una mulattiera, unico sentiero disponibile, che conduceva ad un distaccamento della Guardia di Finanza in località Sega Digon di Comelico Superiore. Lungo il percorso, alle 14.30 del 25 Giugno, a trecento metri dal confine, uno di loro attivò involontariamente una trappola esplosiva sistemata dai terroristi. Il Capitano dell’Arma Francesco Gentile , il sottotenente paracadutista Mario Di Lecce ed il Sergente Olivo Dordi (anch’egli parà) morirono sul colpo, mentre il Sergente Maggiore della Folgore Marcello Magnani riuscì a salvarsi, rimanendo però terribilmente sfigurato.

Per questa terribile strage (e per altri attentati compiuti tra l’agosto 1966 e l’agosto 1967) la Corte d’assise di Firenze, il 14 Maggio 1970, condannò in contumacia:
– Norbert Burger (ergastolo per strage continuata pluriaggravata, vilipendio di cadaveri, danneggiamento aggravato e banda armata)
– Peter Kienesberger (ergastolo per strage, vilipendio di cadaveri, banda armata, danneggiamento ed attentati)
– Erhard Hartung (ergastolo per strage e banda armata)
– Egon Kufner (24 anni per strage e banda armata).

I responsabili ripararono in Austria dove, dopo pressioni diplomatiche, vennero processati ed assolti, non scontando mai la pena per gli omicidi commessi.

Nel cinquantesimo anniversario di quell’atroce strage, nel ricordare il sacrificio dei Caduti di Cima Vallona, intendiamo ricordare anche tutti gli altri servitori dello Stato, vilmente assassinati in quegli anni dai terroristi separatisti pantirolesi, morti per far sì che le mire secessioniste dei terroristi non si realizzassero e per riaffermare e salvaguardare l’integrità territoriale della Patria.

Il Consiglio Direttivo del Movimento Irredentista Italiano

LA VOCE IRREDENTISTA N.39

Pubblichiamo il 39° numero de “La Voce Irredentista”, bollettino informativo del Movimento Irredentista Italiano.

Gli articoli all’interno:
– I bombardamenti di Zara (Parte I)
– Malta e l’Irredentismo (Parte II)
– Nella lente del tempo: l’Istria tra le due guerre
– Tra dipinti e baionette. 1939/1944: Pasquale Rotondi e la difesa dell’arte italiana
durante la seconda guerra mondiale
– Per la salvaguardia della nostra storia
– La spagna rimuove i monumenti ai soldati italiani

All’interno, oltre all’editoriale, anche l’abituale rubrica “Stoccata finale”.

Clicca qui sotto per leggere la Voce.

La Voce Irredentista n. 39

Consigli per una visualizzazione ottimale: dopo aver cliccato sul link riportato qui sopra, aprire il menu “Finestra”, poi scegliere “Modalità a schermo interno”.

Buona lettura.

Il Consiglio Direttivo del Movimento Irredentista Italiano

BARLETTA – DANNEGGIATA LA LAPIDE IN RICORDO DEI MARTIRI DELLE FOIBE

165506632-9f36fe0e-8a21-435a-90a4-34a1e296d15a

La scorsa notte, tra il 9 ed il 10 Febbraio, a Barletta, è stata deturpata la lapide commemorativa dedicata ai Martiri delle foibe situata in Via Manfredi.

La lapide è stata lesionata a colpi di piccone.

Un gesto che si inquadra nella campagna di odio che, da anni, i soliti ignoti scatenano verso i simboli del ricordo di una pagina tragica della storia italiana e che, apprendiamo, giunge dopo la segnalazione di un professore del locale liceo scientifico capace di tenere una lezione scrivendo, o lasciando scritto, “W Tito” sulla lavagna, in totale spregio della storia e del carattere educativo della scuola, tramutata in luogo di indottrinamento.

Lascia amareggiati constatare che questi sempre più frequenti vilipendi sembrano quasi non fare più notizia, così come disgusta la totale assenza di interventi da parte delle istituzioni in riferimento allo strisciante negazionismo che, in un continuo crescendo negli ultimi anni, viene sempre più tollerato in ogni luogo.

Agli sciancati della storia autori di questo gesto offensivo non solo verso le vittime ed i loro congiunti ma, anche, verso l’Italia intera e la sua storia, ricordiamo anche questa volta un dato di fatto:

Le lapidi si possono distruggere, la storia no.

Il Consiglio Direttivo del Movimento Irredentista Italiano

10 FEBBRAIO 2017 – GIORNO DEL RICORDO

fb_img_1486714010222Nel Giorno del Ricordo dei Martiri delle Foibe e dell’Esodo Giuliano-Dalmata, essendo stati sempre contrari, sin dall’inizio del nostro lavoro, alle parole retoriche, al ricordo ad orologeria (caratteristica di molti) ed a strumentalizzazioni di qualsiasi tipo, inviamo il nostro silenzioso pensiero agli italiani che vennero torturati, fucilati, annegati, che trovarono la morte nelle foibe e nei campi di concentramento jugoslavi.

Una tragedia tutta italiana, che per sessanta anni non ha trovato posto nel libro della millenaria storia d’Italia, un posto che molti vorrebbero negarle ancora oggi. Ad essere uccisi infatti non furono solo giuliani e dalmati ma anche soldati accorsi da tutta Italia a difendere il confine orientale d’Italia. Vogliamo oggi rendere onore a tutti coloro che si immolarono per la difesa della Venezia Giulia e della Dalmazia italiane, diventando col proprio martirio testimoni dell’italianità di queste terre.

Alla stessa maniera il nostro pensiero va alle centinaia di migliaia di giuliano-dalmati che scelsero la via dell’esodo per restare italiani, sopportando anni di campo profughi unitamente all’emarginazione subita da parte dei propri connazionali.

Lasciamo ad altri lo sterile esercizio di ripetere, come ogni 10 Febbraio, il solito copione di vuote parole di circostanza.

Noi, in silenzio, ricordiamo.

Il Consiglio Direttivo del Movimento Irredentista Italiano

LA VOCE IRREDENTISTA N.38

Simbolo MIRI definitivo

Pubblichiamo il 38° numero de “La Voce Irredentista”, bollettino informativo del Movimento Irredentista Italiano.

Gli articoli all’interno:
– Viaggio nella Somalia italiana
– Malta e l’irredentismo (Parte I)
– La vicenda Palatucci: possiamo cantar vittoria?
– Fronte greco-albanese: un calabrese c’era

All’interno, oltre all’editoriale, anche l’abituale rubrica “Stoccata finale”.

Clicca qui sotto per leggere la Voce.

La Voce Irredentista n.38

Consigli per una visualizzazione ottimale: dopo aver cliccato sul link riportato qui sopra, aprire il menu “Finestra”, poi scegliere “Modalità a schermo interno”.

Buona lettura.

Il Consiglio Direttivo del Movimento Irredentista Italiano