Livorno – Verona. Condanna unanime per il coro contro Morosini. E per quello contro i Martiri delle Foibe?

Durante la partita Livorno-Verona di sabato 20 Ottobre, abbiamo ancora una volta assistito a gesti vergognosi, che insultano ed umiliano lo sport, e quei sani valori che dovrebbe trasmettere. Le tifoserie dell’Hellas Verona e del Livorno, da anni rivali per questioni politiche (di estrema destra/neofascista la prima, di estrema sinistra/comunista la seconda) hanno nuovamente mostrato come le curve siano, sempre più spesso, palcoscenico più per l’ignoranza popolare, che per il tifo sportivo. La curva dei tifosi del Verona (e poco importa quale delle due abbia “cominciato”) ha intonato un coro contro Piermario Morosini, il calciatore livornese morto durante Pescara-Livorno la scorsa stagione, tirando in ballo presunte ed assurde motivazioni politiche. Tutto il mondo civile è giustamente insorto per condannare il gesto. Le istituzioni sono scese in campo con dichiarazioni forti ed importanti, la Digos ha già individuato i responsabili grazie alle registrazioni video, la FIGC interverrà con dure sanzioni. Giustissimo. Intonare cori contro un ragazzo di 25 anni morto giocando a calcio, seguendo un sogno, è quanto di più inqualificabile e triste si possa fare. Non ci dilunghiamo oltre, poichè tutti i media nazionali hanno dato ampio spazio alla notizia. Noi vogliamo soffermarci su altro, poichè come troppo spesso accade in Italia, alla condanna totale e collettiva di una parte, segue spesso l’assoluzione e la santificazione dell’altra.

La tifoseria del Livorno, notoriamente comunista, espone da anni in curva, striscioni offensivi contro la memoria dei martiri delle foibe e degli esuli giuliano-dalmati. Il tutto accompagnato da cori vergognosi, che inneggiano alle foibe e agli assassini colpevoli del massacro di migliaia di italiani e dell’esodo di un intero popolo. I ripetuti vilipendi avvengono a dispetto della legge del 2004 che ha istituito il “Giorno del ricordo dei martiri delle foibe e dell’esodo giuliano-dalmata”, volto a tutelare la memoria di fatti rimossi dalla memoria popolare per quasi 60 anni. Una legge tra l’altro approvata a larga maggioranza, contro la quale votarono solamente 15 parlamentari, ai quali non vogliamo fare pubblicità nominandoli, ma tra i quali figurano due persone che al momento occupano importanti incarichi: uno sindaco di una grandissima città, l’altro governatore di una regione e candidato alle primarie dello schieramento che probabilmente vincerà le prossime elezioni. E’ giusto condannare il coro contro un ragazzo morto giocando a calcio per mere questioni di rivalità tra tifoserie. Ma perchè nessuna istituzione è intervenuta in merito al coro dei tifosi del Livorno (nel video)? Perchè la Digos non ha identificato anche questi elementi che, in barba ad una legge, insultano migliaia di morti quasi settimanalmente? Perchè non sequestrano gli striscioni (in foto) che inneggiano ad assassini ed insultano la memoria di un intero popolo? Ancora una volta la nostra tristezza è grande, e vogliamo esprimere tutto il nostro dolore nel constatare come, finite le obbligatorie parole di rito durante le ricorrenze da parte delle autorità, i morti istriani, fiumani, dalmati, triestini, goriziani tornino ad essere trascurabili. I tifosi del Verona andranno puniti. Allo stesso modo dovrebbero essere puniti quelli del Livorno. E in questo caso non si tratta di politica portata allo stadio. Si tratta di apologia di massacri costati la vita a migliaia di persone innocenti, di un’ideologia portatrice di morte, di personaggi autori di genocidi programmati. Se i media nazionali hanno taciuto, alcune voci libere come la nostra hanno voluto riportare la verità per intero. I delinquenti e gli ignoranti non si estingueranno mai, continuando ad abbeverarsi ai libri di storia corrotti e manipolati. Noi continueremo a resistere e a difendere la nostra memoria, i nostri martiri, la nostra storia. Come sempre.

2 pensieri su “Livorno – Verona. Condanna unanime per il coro contro Morosini. E per quello contro i Martiri delle Foibe?

  1. Claudio

    Chiedo scusa, ma secondo me che siede in parlamento ed e’ pero’ contro la storia dell’Italia DEVE essere segnalato a tutto il popolo Italiano e quindi di seguito i nomi dei 15 che votarono contro:
    Armando Cossutta;
    Maura Cossutta;
    Titti De Simone;
    Elettra Deiana;
    Oliviero Diliberto;
    Alfonso Gianni;
    Francesco Giordano;
    Ramon Mantovani;
    Graziella Mascia;
    Giuliano Pisapia;
    Marco Rizzo;
    Giuseppe Cosimo Sgobio;
    Giovanni Russo Spena;
    Tiziana Valpiana;
    Nichi Vendola.

    Rispondi
    1. giovi

      sai hai perfettamente ragione ma io voglio che venga solamente riconosciuta la memoria di tante vittime innocenti e quello che è diritto di alcune terre di appartenere al’italia . per esempio ,stupidi sono i tentavi di de -italianizazione forzata che la francia ha commesso nell’ italia francese , perchè vi rimarrà sempre una macchia di italianità .

      Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...