TRIESTE: IL MONUMENTO A NORMA COSSETTO RIMESSO A NUOVO

Diffondiamo la notizia dell’ultima manutenzione effettuata dagli Alpini e civili a Trieste. Venerdì 24 Agosto è stato ripulito il sito dov’è posta la stele commemorativa dedicata a Norma Cossetto in Via Capodistria. Come per i Monumenti Nazionali di Basovizza e Monrupino, abbiamo dovuto nuovamente constatare il degrado in cui era stato abbandonato il Monumento, che affondava nelle erbacce e che recava una corona di alloro rinsecchita, risalente ad anni fa. I volontari hanno sistemato il piccolo prato che ospita la stele, la quale, debitamente ripulita, è tornata a brillare insieme al volto sorridente della nostra Norma. A conclusione dell’iniziativa, Alpini e civili hanno reso onore a tutti i martiri delle foibe, esponendo uno striscione commemorativo, un grande tricolore e deponendo un mazzo di fiori alla base del Monumento. La cerimonia si è conclusa con molte persone che dai balconi, hanno applaudito i volontari, ringraziandoli per il loro gesto. Ringraziamo nuovamente tutti i partecipanti, che hanno risposto presente alla chiamata, ed invitiamo nuovamente chiunque a segnalarci altri stati di abbandono ed incuria in cui versano Monumenti dedicati ai caduti, agli eroi della Patria, ai martiri delle foibe e agli esuli. In qualunque parte d’Italia vi troviate, contattateci e provvederemo ad organizzarci per recuperare tutti insieme i baluardi della nostra memoria e della nostra Storia.
Di seguito pubblichiamo alcune foto ed un video dell’iniziativa per la quale ringraziamo ancora i nostri amici Alpini Luciano Puzzer [A.N.A. sezione Trieste] e Michael Nocentini [A.N.A. sezione Venezia Gruppo Fiume], tutto il Comitato 10 Febbraio di Trieste nella persona di Daniele Mosetti e tutti i civili che hanno preso parte alla manutenzione.

3 pensieri su “TRIESTE: IL MONUMENTO A NORMA COSSETTO RIMESSO A NUOVO

  1. Pietro Valente - Trieste

    Bravi, bella iniziativa.
    Però è l’ubicazione che è infelice.
    Norma Cossetto ricordata in un posteggio condominiale.
    Ci furono molte polemiche per l’iniziativa di Renzo Codarin che avava scelto il posto.
    Ci sono sempre automobili parcheggiate a ridosso che lo nascondono.
    Andrebbe traferito in un luogo più visibile (San Giusto o altri siti storici).

    Rispondi
  2. sdegnato

    Ci sono a Trieste tanti spazi più degni e visibili di quello attuale. Una martire del comunismo titino non si merita di meglio? Grazie agli alpini.

    Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...